SM ARFELLI

Progetto della Memoria: Giusti in tempi ingiusti

Print Friendly, PDF & Email

Progetto della Memoria – Giusti in tempi ingiusti: mostra sui Giusti di Emilia- Romagna.

In occasione della Giornata della Memoria che si  celebra il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto, il nostro istituto ha proposto, il Progetto sulla Memoria, in collaborazione con il Centro Culturale Il Gabbiano di Cesenatico

Mercoledì 23 – Mercoledì 30 gennaio 2019. 

Mostra sui Giusti di Emilia Romagna- sede di Via Sozzi, Aula Magna

I Giusti in tempi ingiusti, a cura del Centro Culturale Il Gabbiano di Cesenatico.

La mostra, tramite pannelli, racconta le vicende di alcuni noti Giusti della nostra regione, raccontando di coloro che, pur non essendo ebrei, hanno rischiato la propria vita per salvare chi era ingiustamente perseguitato. 

La visita alla mostra è riservata alle classi dell’istituto

 – – – – 

La mostra sarà aperta alla visita dei genitori in data venerdì 25 gennaio dalle 16,45 alle 18,45, con possibilità di visita guidata dalle 17.15 alle 18,15 su prenotazione. La prenotazione va segnalata al proprio rappresentante di classe entro mercoledì 23 gennaio. 

Sabato 26 gennaio- Aula Magna di Via Sozzi 

INCONTRO CON DOTT.SSA MARIA PERI – nipote del Giusto di Carpi, Odoardo Focherini.

Odoardo Focherini (Carpi, 1907- Flossenburg, 1944) fu dirigente d’azienda, responsabile dell’Azione Cattolica che, insieme al parroco di Carpi, don Dante Sala, costruì una rete clandestina di salvataggio per gli ebrei. Scoperto, nel marzo del 1944 venne arrestato e portato in Germania al campo di concentramento di Flossenburg, ove morì di setticemia per una ferita.

Maria Peri studia, racconta e tiene viva la memoria del nonno, padre di sette figli, che lei non ha mai potuto conoscere; la Peri, insegnante, ha collaborato con il Museo del Deportato di Carpi e con la Fondazione Campo di Fossoli.

Sabato 6 aprile 2019

incontro – testimonianza di Gioia Bartali, nipote del noto ciclista.

 

Si ringrazia il Comitato Genitori ha generosamente finanziato il Progetto.